Jelevelencre

Jelevelencre

Come scaricare bonus docenti

Posted on Author Faukora Posted in Autisti

Ciascun insegnante in possesso di una utenza SPID (chi ne è a tutt'oggi ancora sprovvisto può richiederla qui: Come richiedere SPID) può accedere al bonus. DOCENTE. Home» ISTRUZIONI per CREARE un BUONO con la CARTA del DOCENTE Scarica e salva il tuo Buono sul pc e mandalo in allegato via mail a​. Quali sono i requisiti per ottenere il bonus docenti? Si tratta di un bonus economico di euro previsto solamente per gli insegnanti di ruolo a tempo. Dopo i due anni bonus residui sono da intendersi persi definitivamente. Come si potranno spendere i euro della carta docente nel Le.

Nome: come scaricare bonus docenti
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 22.33 Megabytes

Asnor ha preparato una pratica guida per rispondere alle domande principali sul funzionamento della Carta. Cos'è la Carta del Docente, il bonus da euro per tutti gli insegnanti Istituita nel , all'interno della legge sulla Buona Scuola , la Carta del Docente è lo strumento con cui utilizzare il bonus di euro riconosciuto ogni anno ai docenti di ruolo e spendibile in attività connesse con la formazione e l'aggiornamento professionali.

Da un punto di vista pratico è una semplice e agevole carta elettronica, non contenuta in supporti fisici, ma gestibile esclusivamente online tramite il sito dedicato. A chi spetta il Bonus insegnanti? Come detto, il bonus euro e la carta del docente sono riconosciuti solo agli insegnanti di ruolo, assunti a tempo indeterminato e impiegati in una scuola pubblica, sia full time che part time.

Come si usa la Carta del Docente: guida alla creazione di un buono spesa Il buono di euro sarà spendibile dal momento in cui si sarà generato e stampato un buono spesa. Qui si ha accesso alla lista degli esercizi commerciali presso i quali è possibile spendere i buoni.

Ci sono sia negozi fisici che accettano i buoni sia store online come Amazon o IBS, la scelta è vostra; Una volta scelto il prodotto che si vuole acquistare è necessario generare il buono spesa: farlo è semplicissimo.

In ogni momento si potrà vedere quanto denaro rimane nel borsellino elettronico e quale sia la scadenza massima per spenderlo.

Come già accennato, i euro accreditati annualmente sulla carta del docente devono essere utilizzati per sostenere spese di aggiornamento e formazione. Rispetto agli anni scorsi le regole per spendere il Bonus insegnanti sono rimaste invariate.

I corsi in questione devono essere riconosciuti dal Miur e possono essere sia corsi di laurea magistrale e specialistica sia corsi post lauream o master.

Secondo le FAQ MIUR, gli strumenti elttronoci che hanno come principale finalità la comunicazione elettronica, come ad esempio gli smartphone, non possono essere considerati acquisti effettuabili con la Carta del Docente, come anche il toner cartucce, stampanti, pennette USB e videocamere. Software acquistabili con il Carta del Docente: tutti i programmi e applicazioni destinate a specifiche esigenze formative come ad esempio software che consentono la consultazione di enciclopedie online, vocabolari, repertori culturali, progettazione di modelli matematici o la realizzazione di disegni tecnici, di videoscrittura e di calcolo strumenti di office automation.

L'ADSL rientra nelle spese ammissibili nel bonus docenti?

Per lo stesso principio, non vi rientra neanche il canone RAI o la Pay tv. Iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali: i docenti beneficiari del bonus, possono utilizzare i euro annui, per frequentare corsi di aggiornamento svolti da enti accreditati presso il Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

Tra i corsi ammissibili ci sono i corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale.

Si, ma solo se il suddetto corso è svolto dalle università, consorzi universitari o interuniversitari. E un corso di studio di una lingua straniera?

Si, sempreché, sia un corso erogato da Enti culturali rappresentanti i Paesi membri dell'Unione Europea, le cui lingue siano incluse nei curricoli scolastici italiani. E' possibile pagare con il bonus, l'esame di certificazione di lingua straniera?


consigliata: