Jelevelencre

Jelevelencre

Scaricare elettrochimica pila

Posted on Author Malar Posted in Multimedia

Quaderni di Analisi Chimica Strumentale: Elettrochimica (vVII) pag. 1. - quaderni che la pila è scarica e la cella è in condizioni di equilibrio: E = Ecatodo. ELETTROCHIMICA scarica) a un elettrodo è proporzionale alla quantità di elettricità che passa nella cella Celle galvaniche primarie (non ricaricabili): PILE. Celle galvaniche o pile. Processi ossidoriduttivi L'elettrochimica studia l' impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e Al catodo si scarica per prima la coppia con il potenziale di riduzione meno negativo (più. Una pila è costruita mediante la separazione fisica della reazione chimica nelle La differenza di potenziale prodotta da una cella elettrochimica si chiama voltaggio . Quando la pila si scarica completamente DE=0, questo significa, in altri.

Nome: scaricare elettrochimica pila
Formato: Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza: Gratis!
Dimensione del file: 30.82 Megabytes

La cella elettrochimica[ modifica ] Cella galvanica Una cella elettrochimica o reattore elettrochimico è dispositivo in grado di convertire energia elettrica in energia chimica o energia chimica in energia elettrica. È composta da due semielementi, chiamati anche semicelle.

Questi semielementi sono tenuti separati da una membrana semipermeabile porosa oppure sono contenuti in contenitori separati ma collegati da un ponte salino entrambi fondamentalmente dei conduttori di carica. Quando vengono opportunamente collegati per mezzo di un circuito elettrico esterno, gli elettroni prodotti dalla reazione di ossidazione che si svolge in un semielemento vengono trasferiti all'altro per dare luogo alla reazione di riduzione.

Questo trasferimento di elettroni è una corrente elettrica. L'elettrodo dove ha luogo la semireazione di ossidazione si chiama anodo ed elettricamente è il polo negativo, mentre quello dove avviene la riduzione catodo, ed è polo positivo. Tipi di celle elettrochimiche[ modifica ] Vi sono fondamentalmente due tipi di celle elettrochimiche: celle galvaniche o celle voltaiche : trasformano l'energia chimica in energia elettrica; dal punto di vista circuitale sono assimilabili a generatori elettrici e vengono a loro volta classificate in: celle galvaniche primarie: in cui viene generata corrente elettrica tramite una reazione chimica irreversibile, per cui sono del tipo usa e getta e non possono essere ricaricate; a questa categoria appartengono le pile zinco-carbone e le batterie alcaline; celle galvaniche secondarie: in cui le reazioni chimiche sono reversibili, per cui una volta che l'energia chimica si è trasformata in energia elettrica cioè "la pila si è scaricata" è possibile invertire il processo fornendo energia elettrica, grazie alla quale si sviluppa la reazione chimica inversa, che "accumula" l'energia elettrica sotto forma di energia chimica; si parla quindi in questo caso di accumulatori di carica elettrica.

Schema di una semicella standard a idrogeno elettrodo a idrogeno. I valori dei potenziali standard di riduzione permettono di prevedere se una reazione è spontanea. Processo di corrosione del ferro.

Consiste nel collegare la struttura in ferro da proteggere con blocchi di magnesio o di zinco. Questo metodo di protezione è anche chiamato protezione catodica.

La quantità di elettricità Q è misurata in coulomb C. Facendo procedere la scarica elettrica, necessaria per ottenere il servizio richiesto, si giunge ad avere la batteria " scarica ". Proseguendo nella carica, allorché la densità raggiunge un valore massimo e costante, si riottiene la batteria " carica ".

Immergendo una piastra positiva ed una negativa, non in contatto tra loro, nella stessa soluzione di acido solforico a densità 1. Figura 2: Due celle con diversa capacità.

Le due celle hanno la stessa "tensione nominale". La quantità di energia utilizzabile è legata alla quantità di materia attiva delle piastre e alla quantità di acido solforico disponibile.

Collegando in serie più celle si ottiene una " batteria di celle ". Collegando in serie 3 celle si ottiene una batteria a 6 Volt, mentre collegando in serie 6 celle si ottiene una batteria a 12 Volt.

Figura 3: batteria di 6 celle. Durante le fasi di carica e scarica, avvengono le trasformazioni chiarite dalla figura seguente. Figura 4: descrizione schematica delle trasformazioni chimiche.


consigliata: